+39 041445060 info@aggiudicasa.it
bonus ristrutturazioni 2019

Prevista per il 2019 la proroga delle disposizioni relative alle agevolazioni fiscali in materia di ristrutturazioni edilizie ed efficientamento energetico.

La legge di bilancio, che dovrebbe entrare in vigore, salvo conferme parlamentari, dal 1° gennaio 2019, manterrà le agevolazioni fiscali destinate alle ristrutturazioni edilizie e agli interventi di risparmio energetico. Il D.L. n. 83/2012, poi confermato dalla Legge di Bilancio 2018, offre la possibilità ai contribuenti di usufruire di detrazioni IRPEF al 50% su una spesa massima di 96.000 euro, per gli immobili ad uso abitativo. L’importo verrà suddiviso in 10 quote annuali.

Per quanto riguarda i lavori di efficientamento energetico, si conferma la detrazione IRPEF al 50% e al 65%, in base alla tipologia di lavori effettuati. Ecobonus

Quali sono i beneficiari del bonus ristrutturazione

Possono usufruire del bonus ristrutturazione:

  • proprietari o nudi proprietari;
  • titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • locatari o comodatari;
  • soci di cooperative divise e indivise;
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce;
  • soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

Bonus ristrutturazione: interventi ammessi

Per la ristrutturazione, gli interventi che danno diritto alla detrazione comprendono:

  • ristrutturazione o ricostruzione dell’immobile danneggiato;
  • costruzioni di posti auto pertinenziali e autorimesse;
  • manutenzioni ordinarie e straordinarie, quali restauro e risanamento conservativo di una o più unità abitative;
  • manutenzioni ordinarie e straordinarie sulle parti comuni degli edifici residenziali;
  • modifiche delle strutture atte all’eliminazione di barriere architettoniche e a favorire la mobilità interna ed esterna dei disabili;
  • rimozione dell’amianto e realizzazione di opere volte alla messa in sicurezza domestica (sostituzione tubi del gas, strumenti per la rilevazione di gas inerti, ecc…);
  • adozione di misure di sicurezza antisismica e statica degli immobili;
  • installazione di sistemi per la sicurezza e la prevenzione di atti illeciti ( sistema di video-sorveglianza,…).

Come effettuare la richiesta per il bonus ristrutturazione

Come già previsto dalla Legge di Bilancio 2018, viene confermato l’obbligo di comunicare all’ENEA le informazioni sugli interventi effettuati, entro 90 giorni dalla data di ultimazione lavori. Per i lavori effettuati tra il 1° gennaio 2018 e il 21 novembre 2018, la scadenza per la trasmissione è stabilita al 19 febbraio 2019.

È possibile consultare una guida esaustiva sulle tipologie interventi ammessi sul sito dell’Agenzia delle Entrate:

Bonus ristrutturazioni

Ecobonus.

bonus ristrutturazione